Il Calabrone asiatico (Vespa velutina nigrithorax)

BIOLOGIA, IDENTIFICAZIONE, CICLO DI VITA, DISTRIBUZIONE
Biologia
Biologia e comportamento della Vespa velutina
Rischi
Rischi da puntura di Calabrone asiatico (Vespa velutina)
Puntura
Cosa fare in caso di puntura da Vespa velutina
Prevenzione
Per evitare di essere punti dagli imenotteri
Avvistamento
Invia una segnalazione di sospetto avvistamento
Campioni
Come e dove inviare i campioni di Vespa velutina
Link utili
Link utili su Calabrone Asiatico Vespa velutina
Show More

Image credit: mounted speciment by D. Descouens - Own work, CC BY-SA 4.0, wikimedia link

La Vespa velutina, sottospecie nigrithorax, è un imenottero di circa 30 mm di colore bruno nerastro con una larga banda giallo-arancione sull’addome ed una sottile linea gialla sul primo segmento. Si tratta di una specie aliena invasiva proveniente dal Sud Est Asiatico. È arrivato in Europa presumibilmente nel 2004 per via aerea, attraverso un carico di piante e porcellane proveniente dalla Cina e diretto a Parigi. Dalla Francia si è poi diffuso in numerosi paesi europei, compresa l’Italia. Dal 2014 il calabrone asiatico ha iniziato a colonizzare dapprima la Liguria per poi procedere verso le regioni dell’Italia Nord Orientale. Attualmente è stato segnalato in Veneto ma non ci sono ancora segnalazioni certe in merito alla sua presenza nella Regione Friuli Venezia Giulia e nel Land Carinzia.

Image credit: Perrard A et al. (2014) PLoS ONE 9(4): e94162. doi:10.1371/journal.pone.0094162 

Images credits: Gilles San Martin from Namur, Belgium - Asian hornet, CC BY-SA 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=58109727

Ciclo di vita
Il calabrone asiatico è un imenottero sociale con un ciclo di vita annuale. Alla fine dell’inverno le regine si svegliano dal periodo di ibernazione ed iniziano a costruire un nido di piccole dimensioni, definito primario, spesso anche in prossimità delle abitazioni. Con l’avvicinarsi della stagione estiva, la colonia di calabroni cresce e a un certo punto abbandona il nido primario a favore di un nido secondario, di dimensioni maggiori e spesso collocato in ambiente extraurbano sugli alberi di grosso fusto. Il nido secondario può contenere da 6.000 a circa 12.000 individui e può generare circa 300-500 regine. Le regine alla fine dell’autunno entrano in ibernazione ed il loro tasso di sopravvivenza fino alla primavera successiva è di circa 1-10%.

Image credits: Mounceau K., Bonnard O., Thiery D., 2014 – Vespa velutina: a new invasive predator of honeybees in Europe. - J. Pest Sci., 87: 1-16.

Nel 2016, Vespa velutina nigrithorax du Buysson, 1905 è stata aggiunta all'elenco delle specie esotiche invasive di interesse unionale, il che implica che gli Stati membri adottino tutte le misure necessarie per prevenirne l'introduzione o la diffusione involontaria.

Testo a cura del gruppo Imenotteri della Regione Friuli Venezia Giulia (I): Barbara Alessandrini, Irene Berti, Rossella Cifaldi, Marco Confalonieri, Lucia Crapesi, Marco De Carli, Rossana Della Porta, Aba Pettinelli, Federico Reccardini, Giancarlo Tondolo Gherbezza, Danilo Villalta, Gianna Zamaro, Paolo Zucca

Images credits: head macro and background (Gilles San Martin from Namur, Belgium - Asian hornet, CC BY-SA 2.0); nido primario (Francis Ithurburu - Own work, CC BY-SA 3.0); nido secondario (Paula jorge - Own work, CC BY-SA 4.0); distribuzione (Perrard A, Arca M, Rome Q, Muller F, Tan J, Bista S, et al. (2014) PLoS ONE 9(4): e94162. doi:10.1371/journal.pone.0094162 ); mounted speciment (Didier Descouens - Own work, CC BY-SA 4.0); ciclo di vita Mounceau K., Bonnard O., Thiery D., 2014 – Vespa velutina: a new invasive predator of honeybees in Europe. - J. Pest Sci., 87: 1-16.

Interreg_Italia-O݈sterreich_2017_4c.jpg

© 2017-2021 Bio-crime Project and Center - Website under construction